Press

Professione Economica e Sistema Sociale Testata Ufficiale del Consiglio Nazionale
dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili

Ordini&Territorio

A Bari un convegno sui rapporti professionali e commerciali Italia/Usa

Appuntamento il 5 aprile. Anche Consiglio nazionale dei commercialisti e Ambasciata americana tra i partecipanti all'evento organizzato dall'Ordine locale della categoria

Valorizzare il ruolo dei commercialisti come consulenti delle piccole e medie imprese nel processo di penetrazione dei mercati esteri. Con questo obiettivo, nel solco del programma di internazionalizzaizone avviato, l'Ordine dei commercialisti di Bari ha organizzato un convegno dal titolo «SELECT USA: Rapporti professionali e commerciali Italia/Usa», che si terrà a Bari mercoledì 5 aprile alle ore 10 presso l’Aula Magna “Aldo Cossu” dell’Università degli Studi in piazza Umberto I. «L’evento - afferma Elbano de Nuccio, presidente del Ordine dei commercialisti di Bari - ha un duplice obiettivo: fornire a noi commercialisti strumenti utili per l'approccio agli investimenti negli Usa, il principale sistema economico mondiale, e porre la categoria al centro di una rete di istituzioni per essere attori essenziali nei processi di internazionalizzazione delle imprese».

L'evento del 5 aprile vedrà la partecipazione del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, dell'Ambasciata e Consolato Generale Usa in Italia, dell'Amcham (la Camera di Commercio statunitense), di Confindustria e dell'Università degli Studi di Bari. «La giornata di confronto - spiega de Nuccio - è stata organizzata per meglio andare incontro alle esigenze delle aziende che desiderano sviluppare anche all’estero la propria attività, nonché per favorire l’attrazione degli investimenti esteri in Italia. Per quanto concerne i commercialisti, servirà a facilitare l'approfondimento delle discipline necessarie per supportare efficacemente le aziende italiane che intendono operare oltre confine e quelle straniere che decidono di sviluppare il loro business in Italia».