Press

Professione Economica e Sistema Sociale Testata Ufficiale del Consiglio Nazionale
dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili

CNDCEC Report

Commercialisti, individuato il partner tecnologico per l’adesione a “PagoPA”

A carico del Consiglio Nazionale i costi di acquisizione delle infrastrutture tecnologiche e delle attività tecniche per il collegamento

Il Consiglio nazionale dei commercialisti ha individuato un partner tecnologico per i servizi di interconnessione al sistema dei pagamenti elettronici per la Pubblica Amministrazione “PagoPA”. Si tratta della società Bluenext Srl di Rimini, scelta al termine di una procedura di selezione avviata nel maggio 2016. Lo rende noto lo stesso Consiglio nazionale con la nota informativa n. 4/2017.

L’adesione a “PagoPa” è obbligatoria per tutti gli Ordini. Gli stessi Ordini hanno piena autonomia decisionale non solo in ordine alle modalità di adesione, ma anche nella scelta del partner o dell’intermediario tecnologico. In base agli accordi stipulati con Bluenext, però, il Consiglio Nazionale si fa carico dei costi relativi all’acquisizione delle infrastrutture tecnologiche e alle attività tecniche per il collegamento e interfacciamento con il Nodo dei pagamenti di tutti gli Ordini territoriali aderenti. Sono compresi anche i costi per la formazione sull’utilizzo della piattaforma, il servizio di help desk e la console di back-office che consente di acquisire i dati dei soggetti obbligati ai pagamenti, generare i codici univoci, emettere ed inviare gli avvisi di pagamento, rendicontare i versamenti. A carico di ciascun Ordine territoriale aderente saranno invece i costi relativi all’immissione delle posizioni debitorie all’infrastruttura PagoPa.

“Le innovazioni tecnologiche nella Pubblica Amministrazione – si legge in una nota del Consiglio nazionale – comportano grandi difficoltà per i nostri Ordini, specie quelli più piccoli. Nel caso di “PagoPa”, l’adesione indiretta costituisce per gli Ordini e per lo stesso Consiglio Nazionale l’unica modalità percorribile rispetto alle proprie dimensioni organizzative e strutturali, che non consentono di farsi carico direttamente dell’acquisizione delle infrastrutture e dei servizi tecnologici necessari. L’impegno del Consiglio nazionale su questo fronte nasce da questa consapevolezza e rientra in una strategia complessiva di supporto e di aiuto per tutte le nostre realtà territoriali”.